asmileplease

| Moda, libere tutte!

Le grandi giornaliste e scrittrici

Le grandi giornaliste e scrittrici da ” Il femminismo nel pensiero politico. Un saggio di storia dimenticata ” di Katiuscia Giubilei

Capitolo V ( I parte) Le conquiste del Novecento

Le grandi giornaliste e scrittrici. Con Anna Kuliscioff ( precedenti capitoli ) siamo entrate pienamente nel Novecento, secolo di contestazione durante il quale noi donne abbiamo compiuto un progresso decisivo in tutti i campi della vita pubblica e privata : dalle suffragiste degli inizi fino al movimento femminista degli anni Settanta , la storia delle conquiste rosa si snoda attraverso una serie di successi – e non pochi problemi alcuni tuttora insoluti – riguardo lavoro, istruzione, diritti individuali, parità giuridica , divorzio , contraccezione , aborto , in una parola : parità .

La diversità dello sguardo femminile sul mondo ha cambiato il modo di considerare i molteplici aspetti della vita quotidiana e delle relazioni tra i sessi. Certo che, nel nuovo contesto, il modello occidentale, che dovrebbe interpretare il punto di riferimento dell’ emancipazione, mostra fortissimi limiti, difficili da arginare.

Nel 2017 ci battiamo ancora per la parità sul lavoro e nella vita politica e ci scontriamo contro il triste bilancio della condizione femminile dei Paesi come Tunisia, India, Iran e Algeria, dove il persistere di tradizioni secolari non cessa di esercitare il suo pesante condizionamento.

Di contro, fortunatamente, dal tema dell’emancipazione femminile in poi, il Novecento è sfumato pian piano almeno in quello della liberazione sessuale, giungendo alla difesa dei diritti omosessuali.

In questo contesto si muovono grandi giornaliste e scrittrici tra cui Sibilla Aleramo (1876/1960), Hannah Arendt (1906/1975), Simone de Beauvoir (1908/1986), Oriana Fallaci (1929/2006), solo per citare quelle che conosceremo più nel dettaglio, attraverso la nostra ricerca. E dividendo il V capitolo come sempre in più parti, tenterò di raccontarvele nel dettaglio, sperando di appassionarvi alla nostra storia.

In Italia si distinse appunto Sibilla Aletamo (1876/1960), Rina Faccio Pierangeli in realtà, giornalista e scrittrice, socialista umanitaria e femminista, autrice del famoso romanzo “Una donna” (1906).

La sua vicenda umana è affascinante e inquietante ma importante per spiegare la sua scrittura: nacque ad Alessandria dove trascorse un’infanzia libera e spensierata fino ai dodici anni quando, lasciata Milano per Porto Civitanova Marche, cominciò a manifestare la propria insofferenza.

Giovanissima rimase incinta di un collega bibliotecario, che sposò per salvare le apparenze. Ma le cose non andarono bene nonostante la nascita del piccolo Walter e la giovane tentò perfino il suicidio. Guarì trovando evasione nella scrittura di racconti e articoli di giornale che vendevano e riscuotevano successo di pubblico.

Continua …….

Quanta intensità in questi volti!

Sibilla Aleramo e Simone de Beauvoir

Hanna Arendt

Oriana Fallaci

con la scrittrice Katiuscia Giubilei

 

Print Friendly
13 Discussions on
“Le grandi giornaliste e scrittrici”