asmileplease

| Moda, libere tutte!

I movimenti femminili fanno politica

CAPITOLO IV

I movimenti femminili fanno politica

Siamo a luglio e continuano le pubblicazioni della ricerca storico/politica dal titolo “Il Femminismo nel pensiero politico. Un saggio di storia dimenticata” di Katiuscia Giubilei.


 


Dopo aver dato uno sguardo alle primissime esposizioni femminili in Europa, cominciamo a raccontare la storia delle rivendicazioni militanti attive. E partiamo con Flora Tristan, coraggiosa battagliera che confessava impietosamente ” Mi stupiscono solo due cose l’intelligenza delle bestie e la bestialità degli uomini ”. 

Cominciamo la nostra esplorazione con la bellissima figura di Flora Tristan

Con le pubblicazioni precedenti abbiamo conosciuto le prime ribellioni femminili, quando le donne cominciavano ad avere una voce, prima dell’ 800. Iniziamo ora, invece, l’esplorazione del vero e proprio femminismo, animato dallo spirito rivoluzionario, che nascerà quando l’egualitarismo fra i sessi e l’emancipazione giuridico-economica della donna si affiancheranno sul fronte etico-politico.

Nel corso del XIX secolo le femministe nascenti si impegnarono, nella difesa dei diritti umani e civili e cominciarono le lotte per la libertà di pensiero, di associazione, per l’abolizione della schiavitù e della prostituzione e per la pace. In virtù di questi ideali, il movimento femminista cominciò a convivere con quello socialista e riformatore, senza tuttavia che le due convinzioni si identificassero; tutt’altro, tra le femministe borghesi e le socialiste si crearono contrapposizioni marcate, testimoniate dalla storia. È indubbio però che il movimento socialista costituì un baluardo politico e un elemento di amplificazione delle tematiche e delle idee specificamente femministe.

Sono gli anni di Flora Tristan (1803-1844), operaia ed autrice dell’alleanza teorica tra femminismo e socialismo rivoluzionario. La femminista fu impegnata nella rivendicazione dei diritti della donna-operaia e legò l’emancipazione dei lavoratori al movimento e alla battaglia, la liberazione della donna alla rivendicazione proletaria. La sua opera “L’union ouvrière”, pubblicata nel 1843, rappresenta uno dei primi progetti di Internazionale operaia, di portata mondiale e descrive con realismo, la drammatica condizione delle lavoratrici

Giornalista ante litteram, Tristan si recò in Inghilterra per studiare tutto, miserie e nobiltà; frequentò bettole, topaie e bordelli annotando puntigliosamente ambienti e sensazioni. Per entrare in Parlamento, si travestì da ambasciatore turco! E da questa esperienza nacque “Promenades dans Londres ”, una denuncia effettiva del traffico di bambini, della prostituzione e della grande miseria.

Rivendico i diritti delle donne – scriveva – perché sono convinta che tutte le sofferenze del mondo derivino dalla mancanza del rispetto e dal disprezzo dei diritti naturali e imprescindibili dell’essere femminile”.

Flora Tristan << L’orgoglio e la fatica di essere donna >>

www.arcobaleno.net 

La femminista ritratta durante una delle sue esposizioni pubbliche.

asmileplease_i_movimenti_femminili

 

 

Il francobollo realizzato dalle Poste francesi nel 1994 per omaggiare Flora Tristan

flora_tristan_asmileplease

Io e la bellissima e fascinosa scrittrice Katiuscia Giubilei, non sapete quanto è simpatica, prerogativa delle persone intelligenti!!!

katiuscia_giubilei_nadia_la_bella

I nostri meravigliosi occhiali MR AL

Print Friendly
10 Discussions on
“I movimenti femminili fanno politica”